E’ successo che il Bot di Amazon, che crea automaticamente cover per telefoni e gadget vari, ha iniziato ad impazzire e a pescare immagini prive di senso per proporle ai propri clienti. Il risultato è stato meraviglioso.

Non ci è dato sapere il preciso funzionamento del Bot di Amazon che, a quanto pare, genera automaticamente cover per cellulari e gadget disparati prendendo la migliori immagini in rete. O quelle per cui abbiamo mostrato interesse con le ricerche che abbiamo effettuato su Google e su internet in generale. Qualcosa di strano, però, è sicuramente accaduto, visto che alcune cover generate sono risultate di gusto più dubbio di chi ha deciso che Temptation Island fosse un programma che non facesse schifo anche ai morti. Vi stiamo per mostrare il disastro che è successo, con alcune immagini delle migliori cover prodotte in modo malsanissimo.

  1. Una magnifica cover che ritrae dei blister di pillole contraccettive. Per la donna che non deve chiedere mai.

 

2. Una fantastica cover con sopra disegnata una carriola. Per far capire ai tuoi collaboratori chi è quello col pene più grosso dell’intero cantiere.

 

3. Hai sempre sognato di avere una cover con mani affette da Psoriasi? Da oggi puoi toglierti anche questo sfizio.

 

4. Hai problemi con la tua vagina ma sei troppo imbarazzata per confidarti con i tuoi cari? Dillo con una cover!

 

5. Qua il livello di trash si fa interessante, con la cover che ritrae una banconota affianco alla cocaina. Sarà quella usata da Andrea Diprè?

 

6. Ebbene sì, si è generata anche una cover con i funghi sulle dita dei piedi. Perché quelle prima ancora non erano sufficienti.

 

7. Arriviamo alla più folle, che rappresenta uno strap-on per “giochi di ruolo”. Un modo sicuramente originale per distinguersi dalla massa.

 

FONTE: www.darwinite-blog.com

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA CLICCA ORA, ALTRIMENTI RICEVERAI A CASA UNA COVER CHE RITRAE LA TUA RAGAZZA MENTRE VA A TROVARE IL SUO “MIGLIORE AMICO”): La storia della vittima dell’eruzione del Vesuvio ritrovata in una posizione ambigua.

Loading...