Gli animali sono creature meravigliose. Alle volte, però, possono essere tanto belli quanto problematici. Vi riportiamo alcune testimonianze di memorabilità tratte da animali che non sanno assolutamente quello che stanno facendo.

 

La memorabilità può essere tanto umana quanto animale. Anzi, spesso e volentieri appartiene di più agli animali, totalmente inconsapevoli di essere portatori sani di ignoranza fuori dal comune. La testimonianza più forte, constatata in diversi anni, è sicuramente quella dei gatti, creature talmente folli che non riusciamo a capacitarci di come non si sia mai pensato di creare dei manicomi appositi per loro. I cani, dal canto loro, sono dotati sicuramente di un raziocinio maggiore. Ma spesso, anche a loro piace perderlo.

Spaziando tra le diverse specie, un altro esponente di ignoranza vera è la mosca. Con il suo stile di volo denominato “non so che cazzo sto facendo“, passa la vita a sbattere la testa contro le finestre delle abitazioni. Inoltre, è ben facile notare una nota di superbia e avarizia. Nel momento esatto in cui inizia a strofinarsi le zampe capisci che sta architettando qualcosa di malvagio per ferire l’umanità. Oppure è semplicemente un avaro imprenditore, ed è solo arrivato il momento di fatturare. Anche le oche sono quegli animali che, una volta incontrati, fanno riflettere. Hanno un’andatura bella oscillante, la zampe palmate, ed emettono versi simili a quelli che faceva la tua ex quando ti rinfacciava l’ennesima stronzata ipocrita. Specifichiamo che la nostra conoscenza profonda del mondo animale ci porta ad equiparare oche, anatre, papere et simili allo stesso animale. Se volete mandate un reclamo al WWF.

Abbiamo raccolto diverse testimonianze di memorabilità animale consapevole e inconsapevole, a dimostrazione di quanto, indubbiamente, noi umani siamo proprio loro discendenti. Eccovele servite starnazzando male:

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA CLICCA ORA, ALTRIMENTI LA TUA RAGAZZA TI STARNAZZERA’ RANCORE PER L’ETERNITA’): Il subdolo piano dei gatti per la conquista del mondo.

Loading...